Ricerche possibili

Raccolta di possibili temi di ricerca presso l'Osservatorio Astronomico del Celado

A cura del prof. Giancarlo Favero

Sistema Solare

  • Asteroidi poco conosciuti (alto interesse)

    • Astrometria: una battuta serale (3 immagini distanti 1 ora una dall'altra) per ogni corpo, al fuoco di 3,2 m (senza filtri). Occorre che la turbolenza atmosferica sia modesta (sotto 3'').
    • Curva di rotazione: battuta lungo tutta la notte con pose continue, lunghe ciascuna fino a registrare stelle di almeno 2 magnitudini più deboli dell'asteroide (meglio se la differenza è 5 magnitudini) al fuoco di 3,2 m (senza filtri).
    • Fotometria: come per la curva di rotazione, ma usando i filtri da fotometria (BVRI).
  • Comete (alto interesse)

    • Astrometria: come per gli asteroidi, se la cometa ha il nucleo puntiforme, con posa tale da rivelare il solo nucleo (senza filtri) al fuoco di 3,2 m.
    • Fotometria: una foto ogni ora, con tutti i filtri, al fuoco di 3,2 m evitando la saturazione di qualche particolare.
    • Studio fisico del nucleo e della chioma: una serie di foto ogni 5-10 minuti sul nucleo, attraverso tutti i filtri, alla focale risolvente di 9,6 m (Barlow 3X) evitando la saturazione del nucleo.
  • Ogni pianeta (medio interesse)

    Studio fisico della superficie e dell'atmosfera con webcam a colori alle focali risolventi: 9,6-12,8-16 m (secondo turbolenza). Frequenza: un filmato lungo 60 s ogni ora per Giove e Saturno; uno lungo 120 s ogni 2 ore per Mercurio, Venere, Marte, Urano e Nettuno (i primi due durante il giorno).

  • Fotometria accurata di Urano, Nettuno, Plutone

    15 immagini non saturate ogni notte fotometrica con camera CCD al fuoco di 3,2 m, con tutti i filtri BVRI.

  • Fotometria accurata di satelliti dei pianeti

    Più immagini (secondo il periodo di rivoluzione) ogni notte fotometrica con camera CCD al fuoco di 3,2 m, con tutti i filtri.

  • Luna

    Sorveglianza sistematica della parte buia per identificare flash da impatti di meteoriti. Strumento: rifrattore apocromatico da 66 mm e 350 mm di focale con telecamera e videoregistratore.

Stelle (alto interesse)

  • Studio di fenomeni rapidi (sentire Ortolani)
  • Scoperta di Novae extragalattiche: una posa con filtro Hα ogni sera serena su almeno 6-9 campi intorno al nucleo.
  • Nome AR Distanza Mal Tipo
    M110 0h 40 m 2,9 E
    M32 0h 43m 2,9 E
    M31 0h 43m 2,4 Sb
    M33 1h 34m 2,6 Sc
    M81 9h 56m 12 Sb
    M82 9h 56m 12 Irr
    M51 13h 30m 15 Sc
  • Fotometria di Novae galattiche, Novae extragalattiche, Supernovae e GRB: per registrarne la curva di luce in più colori (almeno B e V): almeno una misura per ora (meglio ogni 10-20 minuti) durante le prime notti. Misurare le prime immagini, poi agire di conseguenza, seguendo la stella finchè arriva a 1-2 magnitudini dalla magnitudine limite.
  • Fotometria di altre stelle, galassie e quasar variabili: per registrarne la curva di luce in più colori: seguire variabili il cui elenco deve essere concordato con i professori Ortolani o Bianchini dell'Osservatorio di Padova, che suggeriranno anche frequenza, filtri e durata delle battute notturne.

Stelle di addestramento per fotometria

Nome AR Periodo
CC And 0h 44m 0,12d
V474 Mon 6h 0m 0,14d
EH Lib 14h 59m 0,09d
CY Aqr 22h 38m 0,06d
SZ Lyn 8h 10m 0,12d

Fenomeni estemporanei

  • Realizzare immagini a colori di fenomeni di attualità (comete, pianeti, stelle novae, ecc.) da fornire tempestivamente a giornali e a TV locali.

Catalogo Messier e NGC

  • Realizzare immagini spettacolari a colori (filtri BVR oppure Ha, OIII, L) di tutti gli oggetti Messier, delle nebulose e delle galassie più luminose e famose (v. catalogo galassie UAI).